Servizi di Consulenza e Formazione
in materia di Sicurezza
Formazione

Formazione

La  Italia Consulting è un ente di formazione di natura privata certificata ISO 9001:2008 per la organizzazione di corsi di formazione aziendale in materia di sicurezza sul lavoro, e corsi di formazione professionale finanziati dai Fondi interprofessionali per la formazione continua dei lavoratori. La  Italia Consulting è centro di formazione accreditato ANFOS per il rilascio dei corsi di formazione in materia di sicurezza sul lavoro. La  Italia Consulting è ente privato a carattere nazionale che svolgono attività di promozione e coordinamento di formazione continua dei lavoratori attraverso l’accreditamento presso i fondi paritetici interprofessionali come ente attuatore così come previsto dalla art. 1 della legge 40/70. La  Italia Consulting è ente di formazione autorizzato dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per lo svolgimento dei corsi di formazione professionale di cui al D.M. 16/05/1991 n. 1998

Formazione Sicurezza sul lavoro

Con il Decreto Legislativo 81/08 (Sicurezza e salute nei luoghi di lavoro) la Formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro diventa fondamentale ed è per questo che il Datore di Lavoro deve assicurare che ciascun lavoratore riceva una formazione adeguata per la prevenzione di infortuni ed incidenti nei luoghi di lavoro.

L’importanza della formazione in materia di sicurezza sul lavoro è spesso sotto valutato, ma per ottenere un livello di salute e sicurezza sul lavoro elevato è fondamentale formare i propri dipendenti.

Corso di formazione D.lgs 818 s.m.i. R.S.P.P. datore di lavoro

Ai sensi dell’art. 34 comma 2 del D. lgs, 81/08 s.m.i. il datore di lavoro che intende svolgere i compiti di Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione, deve frequentare un corso di formazione di 16 ore obbligatorio per legge . L’obbligo di legge scaturisce dal D. lgs 81/08 s.m.i. il quale obbliga tutte le realtà lavorative ad avere un responsabile del servizio di prevenzione e protezione, tale ruolo può essere ricoperto dallo stesso datore di lavoro frequentando un apposito corso di formazione della durata di 16 ore al termine del quale verrà rilasciato apposito attestato di formazione valido a tutti gli effetti di legge se certificato da un organismo paritetico e/o ente bilaterale o da un ente di formazione accreditato.

Corso di formazione Preposto

Corso di formazione obbligatorio per legge per dirigenti e preposti aziendali ai sensi dell’art. 37 comma 7 del D. Lgs. 81/08 s.m.i. il quale obbliga il datore di lavoro ad assicurare che i dirigenti e preposti ricevano un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro.

Corso di formazione D.lgs 818 s.m.i. R.L.S. Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Il D. Lgs. 81/2008 all’art. 37, commi 10,11 e art. 47 prevede l’istituzione della figura di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), il cui compito è quello di rappresentare i lavoratori in tema di sicurezza sul posto di lavoro. Inoltre collabora con il datore di lavoro riguardo alla valutazione del rischio, la redazione del documento sulla sicurezza, l’attività di prevenzione ed informazione dei propri colleghi. L’obbligo formativo scaturisce dal D. Lgs. 81/08 s.m.i., il quale prevede che ogni attività lavorativa dove sono presenti lavoratori, debba avere un rappresentante dei lavoratoriper la sicurezza che deve essere formato da apposito corso di formazione della durata di 32 ore obbligatorio per legge.

Corso di formazione D.lgs 818 s.m.i. Aggiornamento RLS

L’art. 37 comma 11 del D. lgs. 81/08 s.m.i. prevede l’aggiornamento periodico dei corsi di formazione come Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, rinviando la disciplina e le modalità dell’obbligo di aggiornamento periodico alla contrattazione collettiva nazionale di categoria, la cui durata non può essere inferiore di 4 ore annue per le aziende che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e a 8 ore annue per le aziende che occupano più di 50 lavoratori.

Corso di formazione D.lgs 818 s.m.i. addetto antincendio rischio basso (D.M. 103\98)

L’art. 18 comma 1 let. b) prevede la designazione preventiva degli addetti al servizio di prevenzione incendi, lotta antincendio e di evacuazione dei luoghi di lavoro. L’art. 34 comma 1 bis, prevede che nelle aziende fino a 5 dipendenti il datore di lavoro può ricoprire l’incarico di addetto alla prevenzione incendi, lotta antincendio e di evacuazione dei luoghi di lavoro. Tale cariche posso essere ricoperte previa formazione ed addestramento specifico previsto dall’art. 37 comma 9 del D. lgs. 81/08 s.m.i. il quale rimanda la disciplina e le modalità di formazione al D.M. 10/03/1998. Il D.M. 10/03/1998 a seconda della tipologia di attività prevede:

Corso addetto antincendio in attività a rischio basso (4 ore);

Corso addetto antincendio in attività a rischio medio (8 ore);

Corso addetto antincendio in attività a rischio alto (16ore);

La normativa prevede alla fine dei corsi una prova pratica in azienda effettuata da personale qualificato. Il Corso di addetto antincendio in attività a rischio alto è requisito essenziale per l’attestato di idoneità tecnica di cui all’art. 3 della legge 28 novembre 1996, n. 609.

Corso di formazione D.lgs 818 s.m.i. addetto primo soccorso (aziende tipo A, B, C) D.M. 388/2003

L’art. 45 del D. lgs. prevede che il datore di lavoro in base alla natura, all’attività e alle dimensioni dell’azienda, organizza previa consultazione del medico competete, le procedure  necessari per attuare gli interventi di  primo soccorso aziendale cosi come stabilito dal D.M. 388/2003. Inoltre l’art. 18 comma 1 let. b) prevede la designazione preventiva degli addetti al primo soccorso nei luoghi di lavoro. L’art. 34 comma 1 bis, prevede che nelle aziende fino a 5 dipendenti il datore di lavoro può ricoprire l’incarico di addetto al primo soccorso. Tale carica può essere ricoperte previa formazione ed addestramento specifico previsto dall’art. 37 comma 9 del D. lgs. 81/08 s.m.i. il quale rimanda la disciplina e le modalità di formazione al D.M. n. 388/2003. Il decreto ministeriale n. D.M. n. 388 del 15 luglio 2003 “Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell’art. 45 del D.Lgs 81/08 s.m.i. suddivide le aziende in tre gruppi:

Gruppo A Per le aziende o unità produttive i tempi minimi del corso di formazione sono di 16 ore complessive, e i contenuti devono prevedere anche la trattazione dei rischi specifici dell’attività svolta.

Gruppo B /C Per le aziende o unità produttive di gruppo B e gruppo C, i tempi minimi del corso di formazione sono di 12 ore complessive.

Sono validi i corsi di formazione per gli addetti al pronto soccorso ultimati entro il 3 agosto 2004, data di entrata in vigore del decreto.

La formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale, almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico, con un modulo formativo:

  • di 4 ore per le aziende di gruppo B e C;
  • di 6 ore per le aziende di gruppo A.

 

Corso di formazione per il primo ingresso in cantiere

Corso di formazione di 16 ore obbligatorio per legge per tutti i lavoratori che entrano per la prima volta in un cantiere edile. L’obbligo formativo scaturisce dagli art. 36 e 37 del D. Lgs. 81/08 s.m.i. e dai contratti collettivi di categoria.

 

Corso di formazione D.lgs 818 carrellista mulettista

Alla luce di quanto puntualizzato con l’emanazione della circolare ministeriale n. 780855 dell’8 giugno 2001, che fornisce interpretazioni in merito all’individuazione dei requisiti di sicurezza che i carrelli elevatori devono possedere dal 30 giugno 2001, e sulla base dei contenuti del Decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 359 relativo ai requisiti minimi di sicurezza e salute per l’uso di attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori, in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 37 del D. lgs. 81/08 s.m.i., si conferma l’obbligo di impartire una formazione specifica a tutti i lavoratori addetti alla movimentazione meccanica dei carichi, cioè ai carrellisti o “mulettisti”.

Corso di formazione Pimus (addetti montaggio e smontaggio dei ponteggi)

Con l’entrata in vigore del D.Lgs. 235/2003, è stato introdotto l’obbligo di formazione specifica del personale addetto al montaggio, smontaggio e trasformazione del ponteggio, oltre all’obbligo di redazione da parte dell’impresa che monta e smonta i ponteggi di un piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS).
Il PiMUS è il documento operativo da mettere a disposizione degli addetti ai lavori riportante la concreta procedura di montaggio/smontaggio ed eventualmente trasformazione del ponteggio, inoltre deve contenere informazioni sui parametri di impiego e sulle manutenzioni/verifiche da eseguire in fase di utilizzo. Il corso, mira alla formazione dei Tecnici (Ingegneri, Architetti, Geometri, Periti Industriali ecc..) chiamati alla redazione del Pimus ed alla formazione dei Preposti e Addetti chiamati allo svolgimento dei lavori temporanei in quota relativi all’attività di montaggio, utilizzo, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici a norma del D.lgs 8/07/2003 n. 235 (Attuazione della direttiva 2001/45/CE). Il percorso formativo è finalizzato quindi oltre che ad una corretta formazione del documento tecnico di cantiere (PIMUS), all’apprendimento di tecniche operative adeguate ad eseguire in condizioni di sicurezza leattività di montaggio, smontaggio e trasformazione di ponteggi sia per gli addetti che per i preposti che operano nell’ambito delle imprese di settore. Il percorso formativo è strutturato in tre moduli della durata complessiva di 24 ore più una prova di verifica finale.


 
 





News: Links:













Italia Consulting
Torna su